Come gestire costi e ricavi in azienda?

I costi e ricavi aziendali

In un’impresa occorre spesso acquisire le materie da lavorare per ottenere i prodotti che verranno poi immessi sul mercato e quindi i costi sono caratterizzati dall’acquisto delle materie prime e sussidiarie, quelle di consumo e delle merci.

Sussistono inoltre anche quei costi per i servizi riferiti a spese di trasporto, pubblicità, spese postali, telefoniche ed ogni altra prestazione ottenuta da terzi. Un altro genere di costi sono poi quelli sostenuti per il personale ossia le retribuzioni per gli operai e i dirigenti, i trattamenti di fine rapporto od ancora gli oneri sociali a carico del datore di lavoro.

L’elenco dei costi che sono posti a carico di un’azienda non termina qua in quanto esistono quelli affrontati per l’acquisto di impianti e macchinari, per l’arredamento e le attrezzature, le tasse da corrispondere allo stato, le imposte di bollo, l’imposta sul reddito delle persone giuridiche e gli affitti derivanti dall’uso dei fabbricati o degli automezzi necessari all’esercizio dell’attività.

I ricavi invece possono derivare da alienazioni di beni o servizi ed infatti il ricavo non è altro che l’utilità economica ottenuta dall’impresa tramite l’attuazione del processo economico.

La gestione dei costi e dei ricavi aziendali

Per gestire al meglio un’attività aziendale è necessario svolgere periodicamente un’accurata analisi dei costi aziendali in modo da avere una visione generale della situazione economica, individuare le fonti di spreco ed avviare le opportune azioni per ridurle.

Bisogna anzitutto misurare sistematicamente i risultati conseguiti in un determinato periodo di tempo, confrontare gli obiettivi con i risultati, valutare il budget a disposizione, effettuare la contabilità generale e il bilancio di esercizio ed infine costruire una mappa tra costi e ricavi.

Nell’ambito della classificazione dei costi è utile fare una prima distinzione tra costi fissi e variabili in modo da verificarne la variazione in base all’attività dell’azienda. Praticare un controllo di gestione consente dunque di pianificare e controllare l’andamento aziendale e prendere determinate decisioni che riguardano il presente ed il futuro dell’impresa.

Grazie ad un’analisi adeguata dei costi si può contribuire a fare risparmiare del denaro all’azienda, tagliare ogni spreco, migliorare il rapporto tra qualità e prezzo ed essere più competitivi sul mercato. Con l’ausilio di questi strumenti è possibile avviare dei validi progetti per il futuro analizzando l’ambiente esterno, esaminando il business dell’azienda e definendo gli obiettivi da raggiungere.

Spesso un’azienda si deve inoltre adeguare ai tempi in base al grado di tecnologia ed innovazione raggiunto, alla concorrenza, al contesto sociale e culturale, alla propensione al consumo o all’investimento ed ancora in base all’andamento dei mercati finanziari.

Per adempiere al meglio a tutti questi compiti si ritiene utile avvalersi di professionisti esperti nel settore ed in grado di soddisfare ogni esigenza dell’impresa riguardo la valutazione della situazione economica generale e all’individuazione dei punti di forza da sfruttare a proprio favore: Saltech, azienda con sede a Roma e con esperienza decennale nel settore, è uno dei punti di riferimento a livello nazionale.

Oggi le aziende chiedono il supporto di soggetti che in base agli studi compiuti e all’esperienza acquisita sul mercato possano gestire e consigliare al meglio tutta l’attività d’impresa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *